Gli ospiti del ristorante

Gli ospiti del ristorante - Checco er Carettiere

Gli ospiti del ristorante  - Checco er Carettiere

Dagli anni '40 in poi sono passati da Checco artisti, attori, uomini politici di ogni nazione.

Cliente abituale di Checco er Carettiere era il Trilussa, grande poeta dialettale, ottimo bevitore e carattere capriccioso. Un giorno si rifiutò di bere il vino di Checco nei nuovi calici decorati con il carretto, giurando:

"Io qui non c'entro più!" .

Dopo qualche tempo si rifece vivo sul calessino fermandosi all'entrata dell'osteria e chiese del vino:

"Ho detto che non entro più, ma qui fuori bevo quanto me pare!"

Le loro foto con dedica tappezzano le pareti e fanno ormai parte dell'arredo. Osservarle giocando a "Chi è?" è un discreto passatempo per ingannare l'attesa (breve!) del cibo!

 

Clicca qui per vedere alcune delle foto presenti nel ristorante

 

La foto qui a sinistra è una foto di classe, nel vero senso della parola. Se avete occhio attento (clicca sulla foto per ingrandirla) potete scorgere fra i compagni dei bambini prodigio, amici per la pelle che sono rimasti tali per tutta la vita. Sergio Leone (1) e Ennio Morricone (2) trasteverini doc come Filippo Porcelli (3) si sono incontrati prima per giocare nei vicoli intorno a via Benedetta e poi, nel ristorante di Filippo per lavorare in una bella e quadrata sala appartata adibita ad ufficio dove sono nate indimenticabili sceneggiature e melodie con un via vai di attori attrici e artisti di gran valore, il tutto condito con l'olio migliore e annaffiato con il vino dei castelli.

Prenota Ristorante



L'osteria di Checco, nel cuore di Trastevere

Osteria, cucina romana in un ambiente informale, per tutte le tasche.

pasticceria con dolci di produzione artigianale

Non solo ristorante: bar, pasticceria e gelateria con dolci di produzione artigianale.

Facebook

Cucina Romana

Rimani aggiornato su cene e degustazioni di piatti tipici della cucina romana organizzate da Checco Er Carettiere, inserisci una tua email, senza nessun impegno !